Archive by Author | Contro la Massoneria e gli Illuminati

Il conflitto arabo israeliano.(Patty)

Il conflitto arabo israeliano è un conflitto politico militare, da  circa un secolo  ci sono tensioni politiche e ostilità , e vede contrapposti Israele da una parte e gli stati arabi circostanti dall’altra.

L’origine della contesa, ha radici storico politiche, etniche e religiose, riguarda la nascita del movimento sionista prima e la successiva creazione del moderno Stato di Israele nel territorio, considerato invece ,dal movimento panarabo come appartenente, ormai da circa 14 secoli, ai palestinesi che siano essi musulmani, cristiani, drusi o di altre fedi, buona parte del popolo ebraico considera invece come sua patria storica.

Per capire le dinamiche che dall’inizio del novecento , hanno dato la vita alla “questione palestinese” è necessario guardare la zona geografica e la storia della regione che è stata, ed è teatro di questi eventi.

 

UN_Partition_Plan_Palestine

Palestina nel 1947

 

Il Vicino Oriente …indica la zona che comprende il Mar Mediterraneo, l’oceano Indiano e il Golfo Persico, all’interno della quale vivono numerose etnie, la maggior parte delle quali è accomunata dalla professione della religione islamica.
Tale zona per molti secoli fu parte integrante dell’Impero Ottomano, che si caratterizzò per una politica tendenzialmente sovranazionale, in grado di garantire una discreta autonomia ai diversi gruppi etnici che lo componevano.

Questa zona ha un enorme valore strategico economico e militare ,a partire dal 1869, fu aperto il canale di Suez…. opera che avvicinava l’Oriente all’Occidente. Nella prima metà del XX secolo, furono scoperti immensi giacimenti petroliferi in tutta l’area e ciò rese ancora più interessante il territorio vicino orientale per le potenze europee che, bisognose di quell’elemento per la loro crescente industria, approfittarono dei numerosi segni di fragilità dell’Impero Ottomano, nonché dell’esito del primo conflitto mondiale per colonizzare l’intera area, imponendo un’occupazione militare di fatto, atta a garantire lo sfruttamento della zona da parte delle società europee. I conflitti non si sono fermati.

Questo causò tra i popoli ,che erano uniti dalla religione islamica a sviluppare una forte identità nazionale spesso nazionalistica in risposta all’occupazione dello straniero che era visto anche, con una certa superficialità, come cristiano, così si risvegliarono antichi rancori che vollero collegare con l’antico periodo crociato.

Sykes-Picot-1916

Zone stabilite dall’accordo Sykes-Picot

La Palestina come il vicino Oriente , ha dovuto subire l’occupazione britannica ,formalmente un Mandato della Società delle Nazioni ma, in realtà, frutto degli accordi franco-britannici Sykes-Picot rivelati dal nuovo governo sovietico l’indomani della Rivoluzione ,a causa della sua rilevanza economica e strategica derivante dalla vicinanza con l’Egitto e il canale di Suez .

Queste popolazioni che vivono in tale zona sono da secoli per maggioranza araba ma, al termine del XIX secolo e, sempre più nei primi anni del XX secolo, fu consentito l’insediamento di colonie ebraiche, molte delle quali guadagnate alla causa sionista. A partire dagli Anni trenta del XX secolo, e ancor più dopo il termine della seconda guerra mondiale e la tragedia dell’Olocausto, la Palestina vide fortemente alterata la sua composizione demografica, con la minoranza ebraica avviata a diventare maggioranza grazie all’acquisto di terreni reso possibile dai fondi concessi ai profughi ebrei sfuggiti alla persecuzione nazista.

La risposta delle Nazioni Unite alla questione palestinese fu data il 25 novembre 1947 con l’approvazione della risoluzione 181, che raccomandava la spartizione del territorio conteso tra uno Stato palestinese, uno ebraico e una terza zona, che comprendeva Gerusalemme, amministrata direttamente dall’ONU.
Ma la nascita ufficiale dei due Stati in Palestina fissata dall’ONU nel 1948, non ebbe mai luogo. Non appena i britannici ebbero lasciato la zona, la Lega Araba, che non aveva accettato la risoluzione dell’ONU, scatenò una guerra “di liberazione” contro Israele.

Gli Israeliani, che durante gli ultimi trent’anni si erano organizzati militarmente in gruppi come Haganah e Palmach e in formazioni d’impronta terroristica come l’Irgun e la Banda Stern che confluiranno in questo momento nell’IDF (Israel Defense Forces, detto Tzahal), dimostrarono subito un’imprevista capacità bellica, che, unita alla forte immigrazione che vedeva tra i nuovi arrivati molti veterani della seconda guerra mondiale e l’acquisto di armi dalla Cecoslovacchia, permise loro non solo di resistere agli eserciti arabi ma anche di contrattaccare e di occupare militarmente gran parte della Palestina, a eccezione della striscia di Gaza e della Cisgiordania, rispettivamente occupate dall’esercito dell’Egitto e dalla Legione Araba dell’emirato di Transgiordania .
L’ ONU…ottenne due periodi di tregua con la presentazione di nuovi piani per la ripartizione del territorio ma vennero rifiutati da entrambe le parti in causa. Durante la seconda tregua venne assassinato il mediatore dell’ONU, conte Folke Bernadotte, da parte di alcuni uomini del Lehi, un’organizzazione armata di matrice sionista.

Questa guerra avrà mai una fine?….
Credo che nessuno abbia diritto di pretendere di essere legittimato dalla comunità internazionale ,dopo aver costruito uccidendo e violando dei diritti fondamentali dell’uomo, dopo aver versato fiumi di sangue di innocenti. Oggi Israele c’è, e non lo si può certo sopprimere come Stato. Il suo unico diritto di esistere si fonda su questo pragmatismo, e naturalmente sul diritto di esistere degli israeliani che lo abitano. Pensate un attimo, è la medesima cosa che hanno fatto gli Stati Uniti, nati sul genocidio dei nativi ma concretamente ormai legittimati ad esistere.

Notizie trovate in rete.

Annunci

La strage di via D’Amelio.Per non dimenticare!!!! (Patty)

22 anni fa’ Paolo Borsellino e la sua scorta morirono in un attacco terroristico di stampo mafioso.

19

La strage di via D’Amelio   attacco terroristico di stampo mafioso  messo in atto il pomeriggio del 19 luglio 1992 a Palermo dove vi persero la vita il giudice antimafia Paolo Borsellino, all’epoca Procuratore aggiunto a Palermo, e la sua scorta. L’attentato seguì di due mesi la strage di Capaci, in cui era stato ucciso il giudice Giovanni Falcone, amico e collega di Borsellino, segnando uno dei momenti più tragici nella lotta alla mafia.
Oltre a Paolo Borsellino, morirono il caposcorta Agostino Catalano e gli agenti Emanuela Loi prima donna a far parte di una scorta e prima agente della Polizia di Stato a cadere in servizio, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina. L’unico sopravvissuto fu Antonino Vullo, risvegliatosi in ospedale dopo l’esplosione, in gravi condizioni.

strageviadamelio

 

0D4366DE-F5F7-11

Il conte Cagliostro.(Patty)

 

caglio

Cagliostro

 

Cagliostro morì il 26 agosto 1795 nel Forte di San Leo, a 52 anni. Conosciuto in tutta l’Europa del Settecento, egli sosteneva di possedere poteri sovrannaturali, persino di parlare con i morti, con disinvoltura ricordava a nobili e popolani che il futuro non celava segreti alla sua mente e che conosceva i segreti dell’alchimia.
A Cagliostro furono attribuiti molti prodigi, tanto che a San Pietroburgo fece credere di avere risuscitato un bambino ormai morto, a Strasburgo, comunque, operò guarigioni vere. Il suo nome, per il secolo Giuseppe Balsamo, conte, è ricordato altresì per scandali di ogni genere, tra i quali spicca quello della collana che vide coinvolti Maria Antonietta e il cardinale di Rohan.Di fatto, nessuno però ha mai portato una benché minima prova in relazione a questa identità tra i due personaggi e, guardando la legge, sino a quando non sarà provato il contrario, la verità sarà dalla parte di Cagliostro che continuò a ripetere fino all’ultimo “Io non sono Giuseppe Balsamo”.

La figura di Cagliostro resta una delle più discusse e forse meno conosciute della storia. Il vero conte di Cagliostro astutamente identificato dalla Inquisizione con il piccolo truffatore e imbroglione palermitano Giuseppe Balsamo rimane una delle personalità, per certi aspetti, più affascinanti e misteriose degli ultimi secoli. Pur costretto a subire ripetutamente nel corso della propria esistenza, le accuse più infamanti, non riesce a essere antipatico e la sua condanna morale, oltre che materiale, continua a suscitare una grandissima perplessità.Fu fondatore del rito massonico egiziano chiamato” La saggezza trionfante” che intendeva conferire, nell’ambito della tradizione massonica, una vera e propria coscienza spirituale costruita sulla pura ricerca esoterica, durante tutta la sua vita, peregrinò in lungo e in largo attraverso l’Europa, guariva malati miracolosamente e gratuitamente, grazie alle sue doti di grande alchimista, veggente, guaritore .

E’ stato un uomo, maestro del suo tempo, ma anche al di fuori del tempo, Cagliostro era una persona misericordiosa e compassionevole che combatteva sempre l’ignoranza schierandosi con i più deboli, teso sempre a rendere giustizia agli altri uomini.

 

L’Inquisizione aveva tutti i mezzi a disposizione per sbarazzarsi dello scomodo conte Cagliostro, accusato di reati…. quali eresia e appartenenza alla massoneria, passibili di condanna al rogo. Una simile condanna, tuttavia, avrebbe fatto del conte, molto amato dalle folle, un gran martire di un’idea e di una istituzione quale era all’epoca la Massoneria che l’Inquisizione stava combattendo.

 

cella-Cagliostro

Cella dove venne murato Cagliostro

Fu murato vivo nella rocca di San Leo,a seguito della condanna a morte commutata in carcere perenne a vita, ha lasciato anche in questa circostanza tanto mistero dietro a se, in quanto il suo cadavere si narra, non sia mai stato trovato….

 

“Io non sono di nessuna epoca e di nessun luogo: al di fuori del tempo e dello spazio,il mio essere spirituale vive la sua eterna esistenza… io non sono nato dalla carne, né dalla volontà dell’uomo, sono nato dallo spirito… il mio nome, che è mio, quello che scelsi per apparire in mezzo a voi, è quello che reclamo: quelli che mi sono stati dati alla mia nascita o durante la mia giovinezza, quelli per i quali fui conosciuto, sono di altri tempi e luoghi: li ho lasciati come avrò lasciato, domani, dei vestiti passati di moda e ormai inutili… io parlo e le vostre anime attente ne riconosceranno le antiche parole: una voce che è in voi e che taceva da tempo, risponde alla chiamata della mia”.

 

(estratto dalla: Memoria per il conte Cagliostro, accusato, contro il Procuratore generale ).

 

 

 

Curiosità;SanLeo
A San Leo tornano le Alchimie del Conte di Cagliostro….
Infatti “AlchimiAlchimie” trasforma ogni anno San Leo in un centro di richiamo per adulti, bambini, letterati, studiosi e media da ogni parte d’Italia.
“AlchimiAlchimie”, nel 2008 ci fu la presenza, non solo delle due maggiori Logge Italiane “la Gran Loggia d’Italia” e la ” Loggia del Grande Oriente d’Italia”, ma anche di alcune logge indipendenti, a testimonianza di come San Leo si proponga come punto di incontro e di confronto ideale fra diverse sensibilità e culture.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Notizie trovate in rete.

 Vi lascio il link, dove ci sono le date di tale evento 🙂
http://www.promozionealberghiera.it/evento-9059-alchimia-alchimie-san-leo.php

Rockefeller … (Patty)

Rockefeller e  l’elite, vogliono  ridurre  la Popolazione Mondiale ….
Lo stesso Rockfeller  ha lanciato un’operazione contro la popolazione naturalmente ignara ,per ridurre e controllare la fertilità.

oiuo


Vaccini e alimenti  di prima necessità sarebbero  stati modificati  per raggiungere tali  obiettivi.
E’  difficile credere  che  tale impresa sia possibile,  che vi siano esseri umani  capaci di farlo… ma se guardiamo   indietro nel tempo, questo tipo di complotto non è una novità,  questo tipo di controllo è stato idealizzato  da Platone circa 2300 anni fa nella sua importante opera, la Repubblica. Platone scrisse che una classe dominante dovrebbe guidare la società, “..il cui obiettivo sarà quello di mantenere la media della popolazione”. Egli dichiarò … “Ci sono molte altre cose che dovranno essere prese in considerazione, come gli effetti delle guerre e delle malattie ed altri interventi simili, per evitare per quanto possibile che lo Stato diventi troppo grande o troppo piccolo.”

 Scrive ancora  Platone, queste cose devono essere tenute segrete. Egli scrive: “Ora questi passi devono essere un segreto che conoscono solo i governanti, o ci sarà un’ulteriore minaccia del nostro gregge … lo scoppio di un rivolta”.
Osservare la storia passata…. ci dimostra che nulla è cambiato…Quello che è stato fatto sarà fatto di nuovo?? Sembrerebbe di si… le elite hanno strumenti a loro disposizione per portare a termine un progetto scritto nella storia dei tempi.

La Massoneria in Italia. (Patty)

La Massoneria in Italia. 

607291664_tonnel.gif

Francesco Saverio Geminiani

Il primo “libero muratore” italiano di cui abbiamo notizia è il violinista Francesco Saverio Geminiani, che nel 1725 venne ammesso alla loggia Queen’s Head di Londra, una delle logge rivali della Gran Loggia Unita d’Inghilterra. Ma la data che è incisa indelebilmente nella storia massonica italiana è il 1731, quando a Firenze nacque la prima loggia della penisola, una loggia inglese, dove molto presto aderirono numerosi intellettuali italiani. Uno di questi era Tommaso Crudeli, fu arrestato dal Santo Uffizio e torturato, morirà a 43 anni nel 1745 per le conseguenze della prigionia .

tommaso

Tommaso Crudeli

Da allora le logge nacquero in tutta Italia, nel 1738 fu emanata una Bolla di scomunica indirizzata ai massoni. La breve esperienza di massoneria di modello inglese molto diffusa in Italia terminò a Roma nel 1737, dopo due anni dal sua inizio, per volontà del Pontefice. Un altro famosissimo massone italiano, fu il Conte Cagliostro, fu processato ed imprigionato dall’Inquisizione per eresia e utilizzo di pratiche magiche, nel 1791.

Nel 1746, a Venezia, venne fondata una loggia inquisizione-711341

che raccoglieva personaggi del calibro di Carlo Goldoni,

Francesco Griselini e Giacomo Casanova,il tutto

durò fino alla sua chiusura nel 1755,

anche questa per volere del Santo Uffizio.

Ebbero vita un altro paio di esperimenti massonici nella Repubblica, il cui più importante risale al 1782, una loggia aderente al Rito di Misraim, un sistema tanto odiato quanto amato, ma, soprattutto, complicatissimo. Esso comprendeva un numero di gradi elevatissimo, ben novanta, ed era contornato da un’ispirazione esoterica egiziana.

Nel 1805, nacque a Milano il Grande Oriente d’Italia, alla quale aderì un certo Joseph de Maistre, un conte che ispirò molti dei principi fondativi della Santa Alleanza. In quel periodo iniziava anche a prendere piede la Libera Muratoria nel Regno di Sardegna, che professava un’unità della penisola sotto i Savoia.

goi

Giuseppe Mazzini, non era massone ma era in costante contatto con la fratellanza. La sua statua che oggi sorge sull’Aventino è opera di Ettore Ferrari, autore della celebre statua di Giordano Bruno in Campo de’ Fiori, nonché Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia. Mazzini aveva un rapporto fraterno con i fra massoni, tanto che nella sua Giovine Italia ve ne entrarono molti. La Carboneria stessa si può definire un’organizzazione “paramassonica”, per segretezza e organizzazione . Si distinse particolarmente , Giuseppe Garibaldi, le cui imprese sono note a tutti: meno noto è che l’Eroe dei Due Mondi ricevette il 33° grado massonico di Rito Scozzese. Egli fu iniziato alla Massoneria nel 1844 a Montevideo e, in seguito, divenne Gran Maestro Onorario del Grande Oriente d’Italia. Era dunque un massone convinto.
La politica italiana è stata segnata dalla presenza massonica. Non dimentichiamo che dopo la Guerra in Italia prese piede un’altra “organizzazione segreta” che ha rovinato il paese, la Mafia.
La Massoneria Italiana è divisa in più logge di riti differenti, il Grande Oriente d’Italia,il Grande Oriente d’Italia Democratico, di cui Mario Monti, ne è illustre membro.
Non dimentichiamo che dopo la Guerra in Italia prese piede un’altra “organizzazione segreta” che ha ammorbato il paese: la Mafia.

 

Fonti;
http://it.wikipedia.org/wiki/Massoneria_in_Italia

http://it.wikipedia.org/wiki/Francesco_Geminiani

Renzo Piano e la sua “Scheggia di Vetro”.(Patty)

Lo Shard London Bridge la Scheggia in italiano, e precedentemente conosciuto come London Bridge Tower è un grattacielo a Southwark, si trova a Londra. E’ stato Inaugurato il 5 luglio 2012, il grattacielo di 306 metri realizzato da Renzo Piano, ha ottantasette piani con abitazioni, hotel, uffici e una spettacolare «camera con vista» in cima.
Un secolo e mezzo dopo il Crystal Palace, Londra ha la piramide di cristallo. Più che una piramide, in realtà, una scheggia di cristallo,è la torre più alta d’Europa .

15-SHARD
The Shard la scheggia è stata chiamata così da Renzo Piano, l’architetto italiano che ha strappato il primato nel campo dei grattacieli..

Shard-London-Renzo-Piano

L’architetto ha pensato di creare proprio in cima una sorta di trasparente “camera con vista”, dove chiunque può salire per sperimentare la più clamorosa veduta della città a 360 gradi. Renzo Piano, associa la forma appuntita del suo progetto, alle guglie di Wren. La sua ‘guglia’ è composta da 8 superfici inclinate, che non si toccano mai, da terra, alla sommità. Tali superfici vetrate sono così percepite come delle lame poggiate al nucleo centrale.
E’ gia’ stata definita ‘cittadella per i ricchi’ , al suo interno un hotel a cinque stelle, dei ristoranti di lusso, 600 mila metri quadrati di uffici e di punti vendita.
Per viverci bisognera’ avere un conto in banca elevato perche’ le decine di appartamenti che offrono la vista migliore, tra il 53esimo e il 65esimo piano i piu’ alti in tutto il mercato britannico sono in vendita al prezzo di 30-50 milioni di sterline (tra i 47 e i 79 milioni di dollari), secondo le cifre che circolano sui media britannici.
Ricordo che Renzo Piano ha progettato la Chiesa di Padre Pio…. sul blog trovate un post che parla della chiesa .

https://contromassoneriaeilluminati.wordpress.com/2014/06/11/curiosita-curiose-patty/

Notizie trovate in rete.

Il muro del suono.(Patty)

 

 

Il muro del suono….

Nel video si vede …una fonderia, un’officina, una catena di montaggio, un reparto verniciatura, un laboratorio, uffici e ambienti di un imponente polo industriale, abbandonato e in rovina….. sono le immagini per rappresentare “Il muro del suono”

singolo di Luciano Ligabue.

hqdefault

“C’è qualcuno che può rompere il muro del suono?” chiede Ligabue nel suo ultimo singolo tratto dall’album Mondovisione. Il testo è un chiaro atto di accusa nei confronti del potere… quello che si autoconserva e si perpetua senza la volontà e la forza di riformarsi. Una lettura della realtà che ci circonda , che di questi tempi per forza di cose , fa notizia.
Nel video esattamente al minuto 2:00 si vede una piramide con all’interno un occhio (Illuminati???) accanto è riportata la scritta “John 3:16”

vdeo liga piramide

Si tratta di un versetto del Vangelo secondo Giovanni:
“Dio ha tanto amato il mondo da dare il suo Figlio unigenito, perché chiunque crede in Lui non muoia, ma abbia la vita eterna”.
Viene spesso citato dai cristiani evangelici, con i quali si identificano varie chiese e gruppi protestanti.
Negli Stati Uniti, viene spesso riportato su oggetti non religiosi, come torte, guanti da baseball, manifesti e striscioni che compaiono nelle tribune durante le partite. Il significato che gli viene attribuito è ; “Dio ti ama e ti ha creato per avere un rapporto personale con lui”.
Il messaggio suggerisce la possibilità di avere un collegamento diretto con Dio, spinge a un rapporto più personale con la propria religiosità e a considerare secondaria l’azione del clero e dell’istituzione Chiesa, fondamentale invece per il cattolicesimo.
Non a caso, in queste comunità religiose, la confessione dei peccati viene fatta direttamente a Dio e non a un uomo, come è il sacerdote cattolico.

Ligabue durante una intervista per presentare l’album disse questo…

“Chi doveva pagare non ha pagato, è sotto gli occhi di tutti… Il verbo potere va scavalcato dal verbo volere, mettiamo la vita sotto il peso del chiacchiericcio e la velocità di tutto questo non è compatibile con i bisogni umani. Questi tempi sono un laboratorio di cui si capirà qualcosa tra diversi anni, ma sono sicuro che la velocità non è quella giusta”
La canzone si lega come tematiche a “Il sale della terra”. Ripercorre gli stessi temi da deluso del sistema. Ligabue ha annusato l’aria di delusione che c’è nell’aria e la canta in modo diretto. La canzone si chiede come mai c’è sempre qualcuno che si salva e non paga i conti con la giustizia….
Rimane sospesa una domanda….
Perchè associare la piramide..chiaro simbolo degli Illuminati con un versetto della bibbia?

Giordano Bruno.(Patty)

Giordano Bruno.

Giordano-Bruno-Nola-610x235

Entrò  a 17 anni nel convento di S. Domenico a Napoli, sospettato di eresia, andò  a Roma , qui, deposto l’abito ecclesiastico, andò peregrinando di città in città….

Nel 1591 accogliendo l’invito di G. Mocenigo, si recò a Venezia dove, venne denunziato come eretico dal suo ospite, fu nel 1592 arrestato dall’Inquisizione e processato. Si dichiarò disposto a fare ammenda, ma, trasferito all’Inquisizione di Roma, e sottoposto a nuovo processo, rifiutò di ritrattarsi, e  fu come eretico, condannato al rogo, che egli affrontò impavido a Roma in Campo de’ Fiori.

Il concetto fondamentale della sua Filosofia è l’infinità dell’Universo.
Questa sua idea, per la sua epoca, era  estremamente rivoluzionaria , lui diceva;

 “se l’Universo è infinito, nessun suo punto può essere considerato il centro”

  Questa considerazione era in estremo contrasto con quello che sosteneva la   Chiesa Cattolica che poneva la Terra al centro dell’Universo.
Ma questo concetto portava Bruno ancora più avanti rispetto alle conoscenze scientifiche del suo tempo: Copernico aveva dimostrato che la Terra ed i pianeti ruotavano attorno al Sole, ma non si era spinto più in là. L’intuizione di Bruno aveva invece come conseguenza che neanche il Sole potesse essere il centro dell’Universo, in pieno accordo con quanto sappiamo ora, quattro secoli dopo.

Il concetto dell’infinità dell’Universo portò  Bruno a postulare, quasi profeticamente, il concetto della pluralità dei mondi.
Se l’Universo è infinito, non può esistere null’altro all’infuori di esso e da qui deriva il Panteismo del frate di Nola: tutto è Dio che si manifesta sotto due aspetti: Materia (Natura naturata) ed Anima del mondo (Natura naturans). L’una non può esistere senza l’altra.
La Materia, intesa parte essenziale della Sostanza divina è dunque rivalutata,  anche in questo caso, la chiesa sosteneva che  il  mondo materiale era  il regno del male e del peccato.

La Religione, secondo il filosofo , era utile per governare i “rozzi popoli”, ma gli uomini superiori devevano  seguire la Ragione ed a loro spettava  il governo dei popoli.
A causa del suo pensiero, il 17 febbraio del 1600, con la lingua chiusa da una morsa affinchè non potesse parlare, Giordano Bruno veniva bruciato vivo sul rogo dalla Chiesa Cattolica in piazza Campo dei Fiori a Roma.

“Chi, consistendo nel luogo e nel tempo, libererà le ragioni delle idee dal luogo e dal tempo, si conformerà agli enti divini”….

G.B.(Patty)

Che ci piaccia o no, siamo noi la causa di noi stessi. Nascendo in questo mondo, cadiamo nell’illusione dei sensi; crediamo a ciò che appare. Ignoriamo che siamo ciechi e sordi. Allora ci assale la paura e dimentichiamo che siamo divini, che possiamo modificare il corso degli eventi, persino lo Zodiaco.
G.B.

zodiaco

Giordano Bruno .

Verrà un giorno che l’uomo si sveglierà dall’oblio e finalmente comprenderà chi è veramente e a chi ha ceduto le redini della sua esistenza, a una mente menzognera, che lo rende e lo tiene schiavo,l’uomo non ha limiti e quando un giorno se ne renderà conto,sarà libero anche qui, in questo mondo.
Giordano Bruno .

full

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: