Archivio | Bilderberg RSS for this section

La spilla a triangolo rovesciato.(Patty)

renzi

Il triangolo è certamente un “simbolo” molto caro ai leader mondiali. I simboli a forma triangolare sono sempre ricorrenti nei loro affari amministrativi.Vedi ologramma a forma di triangolo presente nel recente G7 .
Il significato del Triangolo Equilatero è quello di rappresentare la divinità, l’armonia e la proporzione.
Si evince che: nelle culture preistoriche europee, nella cultura greca, come anche nelle culture del vicino e lontano Oriente, il Triangolo dritto, con la punta in alto, rappresenta il Divino, il Fuoco e il Maschile, mentre il Triangolo rovesciato, con la punta verso il basso, rappresenta l’Umano, l’Acqua e il Femminile. Sembra dunque che i premier con il vertice del triangolo in basso appartengano agli uomini che contano poco…sono alla base della piramide, in pratica i servi; mentre coloro che portano il simbolo dritto ossia la piramide con la punta in alto , si considerano come a un “dio”… si considerano delle divinità sulla terra.
Il premier Renzi al G7 portava una spilla a forma di triangolo rovesciato, in pratica è un servo.

Annunci

Trilaterale.(Patty)

gruppo-bilderberg

La Trilaterale.(Patty)

La Commissione Trilaterale, è un gruppo di studio non governativo e non partitico fondato il 23 giugno 1973 per iniziativa di David Rockefeller, presidente della Chase Manhattan Bank, e di altri dirigenti e notabili, tra cui Henry Kissinger e Zbigniew Brzezinski. La Trilaterale conta più di trecento membri (uomini d’affari, politici, intellettuali) provenienti dall’Europa, dal Giappone e dall’America Settentrionale, e ha l’obiettivo di promuovere una cooperazione più stretta tra queste tre aree (di qui il nome). Ha la sua sede sociale a New York.
L’organizzazione fu fondata a motivo del declino, in quegli anni, dell’influenza del Council on Foreign Relations, un precedente gruppo di studio americano di politica estera, le cui posizioni sulla guerra del Vietnam erano divenute impopolari.
Tra gli scopi che la commissione si propone c’è quello di facilitare la cooperazione internazionale nella convinzione della crescente interdipendenza tra gli Stati.
La struttura è insomma quella di un Parlamento globale, ma con meno membri della sola Camera italiana e, soprattutto, non elettivo: si entra a farne parte su invito, e vi si contano soprattutto banchieri (tutti i presidenti dei grandi istituti, compresi quelli centrali delle varie nazioni, della Banca europea, della Banca mondiale e del Fondo monetario internazionale, e gli amministratori delegati dei maggiori fondi speculativi); politici (ministri e parlamentari seduti nelle Camere dei loro Paesi e/o in quella europea e nelle commissioni europee); industriali (i rappresentanti delle principali multinazionali: Coca Cola, Nokia, Rothschild, Shell, Sony ecc.); rappresentanti del mondo accademico, giornalisti e soprattutto editori. Si riunisce in seduta plenaria una volta l’anno, a rotazione nei diversi Paesi membri, e la sua mission è favorire la globalizzazione. Nella riunione del 1975, i tre relatori principali il francese Michel Crozier, l’americano Samuel Huntington e il giapponese Joji Watanuki analizzarono la crisi economica del periodo come il risultato di un “sovraccarico del sistema decisionale”: la soluzione proposta fu quella di spingere per un radicale cambiamento, verso la riduzione dell’intervento statale e un rafforzamento del potere politico esecutivo a scapito del Parlamento e degli istituti di democrazia diretta, come il referendum .
L’elenco completo dei partecipanti alle riunioni è visibile nel sito stesso della Trilateral ;
http://www.trilateral.org/download/file/TC_list_5-14.pdf
Naturalmente Mario Monti e David Rockefeller non mancano mai.

Questo è il link del sito ufficiale; http://www.trilateral.org/

Club Bilderberg (Marcos)

Noi possiamo dare 1000 soluzioni alla crisi, ma se le banche sono istituzioni private che lavorano per gli azionisti e che praticano l’usura derubando piccoli imprenditori e via dicendo, a cosa serve dare soluzioni?
Siamo in mano ad un’Europa elitaria, imperialista, governata dai banchieri che grazie ad una crisi creata a tavolino nel dopo guerra, ricattano gli ex stati sovrani come i peggiori degli strozzini.
Oggi in Italia esiste un unico partito: quello dell’Euro.
Un partito che ha in mano giornali, televisioni, sondaggi etc. per manipolare l’opinione pubblica e farle credere che la democrazia esiste ancora.
I migliori economisti, ci dicono che la soluzione migliore è quella di tornare ad essere uno strato sovrano. Altri, invece, ci dicono che non possiamo uscire dall’euro poiché, così facendo, non saremmo in grado di poter competere con giganti come la Cina (ignorando che paesi come la Cina esistevano già 2000 anni fa).
Quindi con tutte le soluzioni possibili immaginabili che possiamo dare, dobbiamo renderci conto che l’Europa è come se fosse un enorme club privato dove i cittadini pagano l’iscrizione ma non ne possono far parte.

 

Il Gruppo Bilderberg .(Patty)

tema 

(detto anche conferenza Bilderberg o club Bilderberg) è un incontro annuale per inviti, non ufficiale, di circa 130 partecipanti, la maggior parte dei quali sono personalità influenti in campo economico, politico e bancario. I partecipanti trattano una grande varietà di temi globali, economici, militari e politici.

Il gruppo si riunisce annualmente in hotel o resort di lusso in varie parti del mondo, normalmente in Europa, e una volta ogni quattro anni negli Stati Uniti o in Canada. I nomi dei partecipanti sono resi pubblici attraverso la stampa ma la conferenza è chiusa al pubblico e ai media.

Dato che le discussioni durante questa conferenza non sono mai registrate o riportate all’esterno, questi incontri sono stati oggetto di critiche e di varie teorie del complotto, come ad esempio quella sostenuta da Daniel Estulin nel libro Il Club Bilderberg. Gli organizzatori della conferenza, tuttavia, spiegano questa loro scelta con l’esigenza di garantire ai partecipanti maggior libertà di esprimere la propria opinione senza la preoccupazione che le loro parole possano essere travisate dai media.

Ipocriti, falsari, traditori e violenti. I politici: non dicono la verità ai cittadini italiani e, nonostante il loro dovere di uomini politici sarebbe quello di rappresentare e servire il popolo, lo ingannano. Banchieri: creano e sperperano il denaro per dominare e controllare. Imprenditori violenti: Finmeccanica, Fiat, Pirelli, Olivetti, Ferruzzi, Alenia, Selex, Fincantieri, Confindustria… sono tra i primi dieci nella scala mondiale di produttori d’armi! …e poi si comportano da puritani, protetti dal Vaticano… che poi non è nient’altro che la patria dei più falsi di tutti, i preti (se ne salvano alcuni).
Vi ricordo i punti fondamentali che contraddistinguono gli obiettivi a lungo termine del Bilderberg. Vi aiuterà a capire il perché di tanta segretezza e di tante bugie da parte di banchieri, imprenditori, politici e giornalisti corrotti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: