Archivio | Storia RSS for this section

Il conflitto arabo israeliano.(Patty)

Il conflitto arabo israeliano è un conflitto politico militare, da  circa un secolo  ci sono tensioni politiche e ostilità , e vede contrapposti Israele da una parte e gli stati arabi circostanti dall’altra.

L’origine della contesa, ha radici storico politiche, etniche e religiose, riguarda la nascita del movimento sionista prima e la successiva creazione del moderno Stato di Israele nel territorio, considerato invece ,dal movimento panarabo come appartenente, ormai da circa 14 secoli, ai palestinesi che siano essi musulmani, cristiani, drusi o di altre fedi, buona parte del popolo ebraico considera invece come sua patria storica.

Per capire le dinamiche che dall’inizio del novecento , hanno dato la vita alla “questione palestinese” è necessario guardare la zona geografica e la storia della regione che è stata, ed è teatro di questi eventi.

 

UN_Partition_Plan_Palestine

Palestina nel 1947

 

Il Vicino Oriente …indica la zona che comprende il Mar Mediterraneo, l’oceano Indiano e il Golfo Persico, all’interno della quale vivono numerose etnie, la maggior parte delle quali è accomunata dalla professione della religione islamica.
Tale zona per molti secoli fu parte integrante dell’Impero Ottomano, che si caratterizzò per una politica tendenzialmente sovranazionale, in grado di garantire una discreta autonomia ai diversi gruppi etnici che lo componevano.

Questa zona ha un enorme valore strategico economico e militare ,a partire dal 1869, fu aperto il canale di Suez…. opera che avvicinava l’Oriente all’Occidente. Nella prima metà del XX secolo, furono scoperti immensi giacimenti petroliferi in tutta l’area e ciò rese ancora più interessante il territorio vicino orientale per le potenze europee che, bisognose di quell’elemento per la loro crescente industria, approfittarono dei numerosi segni di fragilità dell’Impero Ottomano, nonché dell’esito del primo conflitto mondiale per colonizzare l’intera area, imponendo un’occupazione militare di fatto, atta a garantire lo sfruttamento della zona da parte delle società europee. I conflitti non si sono fermati.

Questo causò tra i popoli ,che erano uniti dalla religione islamica a sviluppare una forte identità nazionale spesso nazionalistica in risposta all’occupazione dello straniero che era visto anche, con una certa superficialità, come cristiano, così si risvegliarono antichi rancori che vollero collegare con l’antico periodo crociato.

Sykes-Picot-1916

Zone stabilite dall’accordo Sykes-Picot

La Palestina come il vicino Oriente , ha dovuto subire l’occupazione britannica ,formalmente un Mandato della Società delle Nazioni ma, in realtà, frutto degli accordi franco-britannici Sykes-Picot rivelati dal nuovo governo sovietico l’indomani della Rivoluzione ,a causa della sua rilevanza economica e strategica derivante dalla vicinanza con l’Egitto e il canale di Suez .

Queste popolazioni che vivono in tale zona sono da secoli per maggioranza araba ma, al termine del XIX secolo e, sempre più nei primi anni del XX secolo, fu consentito l’insediamento di colonie ebraiche, molte delle quali guadagnate alla causa sionista. A partire dagli Anni trenta del XX secolo, e ancor più dopo il termine della seconda guerra mondiale e la tragedia dell’Olocausto, la Palestina vide fortemente alterata la sua composizione demografica, con la minoranza ebraica avviata a diventare maggioranza grazie all’acquisto di terreni reso possibile dai fondi concessi ai profughi ebrei sfuggiti alla persecuzione nazista.

La risposta delle Nazioni Unite alla questione palestinese fu data il 25 novembre 1947 con l’approvazione della risoluzione 181, che raccomandava la spartizione del territorio conteso tra uno Stato palestinese, uno ebraico e una terza zona, che comprendeva Gerusalemme, amministrata direttamente dall’ONU.
Ma la nascita ufficiale dei due Stati in Palestina fissata dall’ONU nel 1948, non ebbe mai luogo. Non appena i britannici ebbero lasciato la zona, la Lega Araba, che non aveva accettato la risoluzione dell’ONU, scatenò una guerra “di liberazione” contro Israele.

Gli Israeliani, che durante gli ultimi trent’anni si erano organizzati militarmente in gruppi come Haganah e Palmach e in formazioni d’impronta terroristica come l’Irgun e la Banda Stern che confluiranno in questo momento nell’IDF (Israel Defense Forces, detto Tzahal), dimostrarono subito un’imprevista capacità bellica, che, unita alla forte immigrazione che vedeva tra i nuovi arrivati molti veterani della seconda guerra mondiale e l’acquisto di armi dalla Cecoslovacchia, permise loro non solo di resistere agli eserciti arabi ma anche di contrattaccare e di occupare militarmente gran parte della Palestina, a eccezione della striscia di Gaza e della Cisgiordania, rispettivamente occupate dall’esercito dell’Egitto e dalla Legione Araba dell’emirato di Transgiordania .
L’ ONU…ottenne due periodi di tregua con la presentazione di nuovi piani per la ripartizione del territorio ma vennero rifiutati da entrambe le parti in causa. Durante la seconda tregua venne assassinato il mediatore dell’ONU, conte Folke Bernadotte, da parte di alcuni uomini del Lehi, un’organizzazione armata di matrice sionista.

Questa guerra avrà mai una fine?….
Credo che nessuno abbia diritto di pretendere di essere legittimato dalla comunità internazionale ,dopo aver costruito uccidendo e violando dei diritti fondamentali dell’uomo, dopo aver versato fiumi di sangue di innocenti. Oggi Israele c’è, e non lo si può certo sopprimere come Stato. Il suo unico diritto di esistere si fonda su questo pragmatismo, e naturalmente sul diritto di esistere degli israeliani che lo abitano. Pensate un attimo, è la medesima cosa che hanno fatto gli Stati Uniti, nati sul genocidio dei nativi ma concretamente ormai legittimati ad esistere.

Notizie trovate in rete.

Annunci

La strage di via D’Amelio.Per non dimenticare!!!! (Patty)

22 anni fa’ Paolo Borsellino e la sua scorta morirono in un attacco terroristico di stampo mafioso.

19

La strage di via D’Amelio   attacco terroristico di stampo mafioso  messo in atto il pomeriggio del 19 luglio 1992 a Palermo dove vi persero la vita il giudice antimafia Paolo Borsellino, all’epoca Procuratore aggiunto a Palermo, e la sua scorta. L’attentato seguì di due mesi la strage di Capaci, in cui era stato ucciso il giudice Giovanni Falcone, amico e collega di Borsellino, segnando uno dei momenti più tragici nella lotta alla mafia.
Oltre a Paolo Borsellino, morirono il caposcorta Agostino Catalano e gli agenti Emanuela Loi prima donna a far parte di una scorta e prima agente della Polizia di Stato a cadere in servizio, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina. L’unico sopravvissuto fu Antonino Vullo, risvegliatosi in ospedale dopo l’esplosione, in gravi condizioni.

strageviadamelio

 

0D4366DE-F5F7-11

Il conte Cagliostro.(Patty)

 

caglio

Cagliostro

 

Cagliostro morì il 26 agosto 1795 nel Forte di San Leo, a 52 anni. Conosciuto in tutta l’Europa del Settecento, egli sosteneva di possedere poteri sovrannaturali, persino di parlare con i morti, con disinvoltura ricordava a nobili e popolani che il futuro non celava segreti alla sua mente e che conosceva i segreti dell’alchimia.
A Cagliostro furono attribuiti molti prodigi, tanto che a San Pietroburgo fece credere di avere risuscitato un bambino ormai morto, a Strasburgo, comunque, operò guarigioni vere. Il suo nome, per il secolo Giuseppe Balsamo, conte, è ricordato altresì per scandali di ogni genere, tra i quali spicca quello della collana che vide coinvolti Maria Antonietta e il cardinale di Rohan.Di fatto, nessuno però ha mai portato una benché minima prova in relazione a questa identità tra i due personaggi e, guardando la legge, sino a quando non sarà provato il contrario, la verità sarà dalla parte di Cagliostro che continuò a ripetere fino all’ultimo “Io non sono Giuseppe Balsamo”.

La figura di Cagliostro resta una delle più discusse e forse meno conosciute della storia. Il vero conte di Cagliostro astutamente identificato dalla Inquisizione con il piccolo truffatore e imbroglione palermitano Giuseppe Balsamo rimane una delle personalità, per certi aspetti, più affascinanti e misteriose degli ultimi secoli. Pur costretto a subire ripetutamente nel corso della propria esistenza, le accuse più infamanti, non riesce a essere antipatico e la sua condanna morale, oltre che materiale, continua a suscitare una grandissima perplessità.Fu fondatore del rito massonico egiziano chiamato” La saggezza trionfante” che intendeva conferire, nell’ambito della tradizione massonica, una vera e propria coscienza spirituale costruita sulla pura ricerca esoterica, durante tutta la sua vita, peregrinò in lungo e in largo attraverso l’Europa, guariva malati miracolosamente e gratuitamente, grazie alle sue doti di grande alchimista, veggente, guaritore .

E’ stato un uomo, maestro del suo tempo, ma anche al di fuori del tempo, Cagliostro era una persona misericordiosa e compassionevole che combatteva sempre l’ignoranza schierandosi con i più deboli, teso sempre a rendere giustizia agli altri uomini.

 

L’Inquisizione aveva tutti i mezzi a disposizione per sbarazzarsi dello scomodo conte Cagliostro, accusato di reati…. quali eresia e appartenenza alla massoneria, passibili di condanna al rogo. Una simile condanna, tuttavia, avrebbe fatto del conte, molto amato dalle folle, un gran martire di un’idea e di una istituzione quale era all’epoca la Massoneria che l’Inquisizione stava combattendo.

 

cella-Cagliostro

Cella dove venne murato Cagliostro

Fu murato vivo nella rocca di San Leo,a seguito della condanna a morte commutata in carcere perenne a vita, ha lasciato anche in questa circostanza tanto mistero dietro a se, in quanto il suo cadavere si narra, non sia mai stato trovato….

 

“Io non sono di nessuna epoca e di nessun luogo: al di fuori del tempo e dello spazio,il mio essere spirituale vive la sua eterna esistenza… io non sono nato dalla carne, né dalla volontà dell’uomo, sono nato dallo spirito… il mio nome, che è mio, quello che scelsi per apparire in mezzo a voi, è quello che reclamo: quelli che mi sono stati dati alla mia nascita o durante la mia giovinezza, quelli per i quali fui conosciuto, sono di altri tempi e luoghi: li ho lasciati come avrò lasciato, domani, dei vestiti passati di moda e ormai inutili… io parlo e le vostre anime attente ne riconosceranno le antiche parole: una voce che è in voi e che taceva da tempo, risponde alla chiamata della mia”.

 

(estratto dalla: Memoria per il conte Cagliostro, accusato, contro il Procuratore generale ).

 

 

 

Curiosità;SanLeo
A San Leo tornano le Alchimie del Conte di Cagliostro….
Infatti “AlchimiAlchimie” trasforma ogni anno San Leo in un centro di richiamo per adulti, bambini, letterati, studiosi e media da ogni parte d’Italia.
“AlchimiAlchimie”, nel 2008 ci fu la presenza, non solo delle due maggiori Logge Italiane “la Gran Loggia d’Italia” e la ” Loggia del Grande Oriente d’Italia”, ma anche di alcune logge indipendenti, a testimonianza di come San Leo si proponga come punto di incontro e di confronto ideale fra diverse sensibilità e culture.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Notizie trovate in rete.

 Vi lascio il link, dove ci sono le date di tale evento 🙂
http://www.promozionealberghiera.it/evento-9059-alchimia-alchimie-san-leo.php

La Massoneria in Italia. (Patty)

La Massoneria in Italia. 

607291664_tonnel.gif

Francesco Saverio Geminiani

Il primo “libero muratore” italiano di cui abbiamo notizia è il violinista Francesco Saverio Geminiani, che nel 1725 venne ammesso alla loggia Queen’s Head di Londra, una delle logge rivali della Gran Loggia Unita d’Inghilterra. Ma la data che è incisa indelebilmente nella storia massonica italiana è il 1731, quando a Firenze nacque la prima loggia della penisola, una loggia inglese, dove molto presto aderirono numerosi intellettuali italiani. Uno di questi era Tommaso Crudeli, fu arrestato dal Santo Uffizio e torturato, morirà a 43 anni nel 1745 per le conseguenze della prigionia .

tommaso

Tommaso Crudeli

Da allora le logge nacquero in tutta Italia, nel 1738 fu emanata una Bolla di scomunica indirizzata ai massoni. La breve esperienza di massoneria di modello inglese molto diffusa in Italia terminò a Roma nel 1737, dopo due anni dal sua inizio, per volontà del Pontefice. Un altro famosissimo massone italiano, fu il Conte Cagliostro, fu processato ed imprigionato dall’Inquisizione per eresia e utilizzo di pratiche magiche, nel 1791.

Nel 1746, a Venezia, venne fondata una loggia inquisizione-711341

che raccoglieva personaggi del calibro di Carlo Goldoni,

Francesco Griselini e Giacomo Casanova,il tutto

durò fino alla sua chiusura nel 1755,

anche questa per volere del Santo Uffizio.

Ebbero vita un altro paio di esperimenti massonici nella Repubblica, il cui più importante risale al 1782, una loggia aderente al Rito di Misraim, un sistema tanto odiato quanto amato, ma, soprattutto, complicatissimo. Esso comprendeva un numero di gradi elevatissimo, ben novanta, ed era contornato da un’ispirazione esoterica egiziana.

Nel 1805, nacque a Milano il Grande Oriente d’Italia, alla quale aderì un certo Joseph de Maistre, un conte che ispirò molti dei principi fondativi della Santa Alleanza. In quel periodo iniziava anche a prendere piede la Libera Muratoria nel Regno di Sardegna, che professava un’unità della penisola sotto i Savoia.

goi

Giuseppe Mazzini, non era massone ma era in costante contatto con la fratellanza. La sua statua che oggi sorge sull’Aventino è opera di Ettore Ferrari, autore della celebre statua di Giordano Bruno in Campo de’ Fiori, nonché Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia. Mazzini aveva un rapporto fraterno con i fra massoni, tanto che nella sua Giovine Italia ve ne entrarono molti. La Carboneria stessa si può definire un’organizzazione “paramassonica”, per segretezza e organizzazione . Si distinse particolarmente , Giuseppe Garibaldi, le cui imprese sono note a tutti: meno noto è che l’Eroe dei Due Mondi ricevette il 33° grado massonico di Rito Scozzese. Egli fu iniziato alla Massoneria nel 1844 a Montevideo e, in seguito, divenne Gran Maestro Onorario del Grande Oriente d’Italia. Era dunque un massone convinto.
La politica italiana è stata segnata dalla presenza massonica. Non dimentichiamo che dopo la Guerra in Italia prese piede un’altra “organizzazione segreta” che ha rovinato il paese, la Mafia.
La Massoneria Italiana è divisa in più logge di riti differenti, il Grande Oriente d’Italia,il Grande Oriente d’Italia Democratico, di cui Mario Monti, ne è illustre membro.
Non dimentichiamo che dopo la Guerra in Italia prese piede un’altra “organizzazione segreta” che ha ammorbato il paese: la Mafia.

 

Fonti;
http://it.wikipedia.org/wiki/Massoneria_in_Italia

http://it.wikipedia.org/wiki/Francesco_Geminiani

Giordano Bruno.(Patty)

Giordano Bruno.

Giordano-Bruno-Nola-610x235

Entrò  a 17 anni nel convento di S. Domenico a Napoli, sospettato di eresia, andò  a Roma , qui, deposto l’abito ecclesiastico, andò peregrinando di città in città….

Nel 1591 accogliendo l’invito di G. Mocenigo, si recò a Venezia dove, venne denunziato come eretico dal suo ospite, fu nel 1592 arrestato dall’Inquisizione e processato. Si dichiarò disposto a fare ammenda, ma, trasferito all’Inquisizione di Roma, e sottoposto a nuovo processo, rifiutò di ritrattarsi, e  fu come eretico, condannato al rogo, che egli affrontò impavido a Roma in Campo de’ Fiori.

Il concetto fondamentale della sua Filosofia è l’infinità dell’Universo.
Questa sua idea, per la sua epoca, era  estremamente rivoluzionaria , lui diceva;

 “se l’Universo è infinito, nessun suo punto può essere considerato il centro”

  Questa considerazione era in estremo contrasto con quello che sosteneva la   Chiesa Cattolica che poneva la Terra al centro dell’Universo.
Ma questo concetto portava Bruno ancora più avanti rispetto alle conoscenze scientifiche del suo tempo: Copernico aveva dimostrato che la Terra ed i pianeti ruotavano attorno al Sole, ma non si era spinto più in là. L’intuizione di Bruno aveva invece come conseguenza che neanche il Sole potesse essere il centro dell’Universo, in pieno accordo con quanto sappiamo ora, quattro secoli dopo.

Il concetto dell’infinità dell’Universo portò  Bruno a postulare, quasi profeticamente, il concetto della pluralità dei mondi.
Se l’Universo è infinito, non può esistere null’altro all’infuori di esso e da qui deriva il Panteismo del frate di Nola: tutto è Dio che si manifesta sotto due aspetti: Materia (Natura naturata) ed Anima del mondo (Natura naturans). L’una non può esistere senza l’altra.
La Materia, intesa parte essenziale della Sostanza divina è dunque rivalutata,  anche in questo caso, la chiesa sosteneva che  il  mondo materiale era  il regno del male e del peccato.

La Religione, secondo il filosofo , era utile per governare i “rozzi popoli”, ma gli uomini superiori devevano  seguire la Ragione ed a loro spettava  il governo dei popoli.
A causa del suo pensiero, il 17 febbraio del 1600, con la lingua chiusa da una morsa affinchè non potesse parlare, Giordano Bruno veniva bruciato vivo sul rogo dalla Chiesa Cattolica in piazza Campo dei Fiori a Roma.

“Chi, consistendo nel luogo e nel tempo, libererà le ragioni delle idee dal luogo e dal tempo, si conformerà agli enti divini”….

La statua della Libertà.(Patty)

La statua della Libertà è il simbolo di New York e degli interi Stati Uniti d’America.

japan_1ygbd.T0

La si vede all’entrata del porto sul fiume Hudson al centro della baia di Manhattan, sulla rocciosa Liberty Island. Il nome dell’opera è   La Libertà che illumina il mondo ….

bartholdi_f

Frédéric Auguste Bartholdi

Fu progettata dal francese Frédéric Auguste Bartholdi

  E’costituita da una struttura reticolare interna in acciaio rivestita da 300 fogli di rame sagomati e rivettati insieme, che poggia su un basamento granitico grigio-rosa di provenienza sarda e domina la baia di New York.

E’ alta ben 93 metri essa risulta perfettamente visibile fino a 40 chilometri di distanza. Raffigura una donna che indossa una lunga toga e sorregge fieramente in una mano una fiaccola simbolo del fuoco eterno della libertà, mentre nell’altra tiene un libro recante la data del giorno dell’Indipendenza americana 4 luglio 1776…. ai piedi vi sono delle catene spezzate simbolo della liberazione dal potere del sovrano dispotico e in testa vi è una corona, le cui sette punte rappresentano i sette mari……

 

L’idea di costruire un simbolo che esprimesse concretamente l’unione che legava spiritualmente il Popolo Francese a quello Americano che, per primo, dopo la Francia, ne assunse i principi nella propria Costituzione, venne, nell’estate del 1865, in Francia, ad un gruppo di amici riuniti in casa del letterato Edouard Renè de Laboulaye….naturalmente la maggioranza di questi amici era costituita da Fratelli Massoni e, precisamente, da  ; Henri Martin, storico, da Frederic Auguste Bartholdi, artista e scultore, e dai fratelli Oscar e Edmond de Lafayette, nipoti del famoso generale che, fu affiliato alla Loggia USA cui apparteneva il primo presidente degli Stati Uniti, George Washington.

A Bartholdi fu dato l’incarico, di studiare quale potesse essere il simbolo più adatto a rappresentare il concetto che era nell’animo dei vari amici, ed esso fu identificato in una statua colossale che simboleggiasse insieme il principio più importante sia per la Rivoluzione Francese che per la Massoneria… la Libertà.

I lavori ebbero inizio nel 1874 e durarono per ben nove anni

sino al 1883, grazie e soprattutto all’apporto finanziario della ” Fondazione Franco-Americana”

per la costruzione della Statua della Libertà che illumina il Mondo”.LbertyParigiPrint

Il 5 agosto 1884 i fratelli massoni ebbero l’onore di porre la pietra angolare che è basamento del piedistallo, atto che venne da loro compiuto con perfetto rituale massonico e nel rispetto di quella tradizione che, dal 1793, riservava appunto ai Massoni il privilegio di porre le pietre angolari di tutti i più importanti edifici pubblici a riconoscimento della loro costante opera a favore della Nazione.

Il Gran Maestro delle Logge USA, assistito dai suoi Grandi Ufficiali, murò, nella pietra angolare, una cassetta di rame contenente una copia della Costituzione degli USA, 20 medaglie di bronzo con l’effigie di tutti i Presidenti degli Stati Uniti , un ritratto del FrT Bartholdi, una copia del “Poema della Libertà”, ed una lista delle Logge dello Stato di New York.
La pietra, riconosciuta squadrata, livellata ed a piombo, fu posta a dimora nell’angolo orientale del piedistallo ed il Gran Maestro, colpitala con tre colpi di Maglietto, la dichiarò giusta e salda.
Il piedistallo fu completato nel gennaio 1886 e la Statua che nel frattempo era giunta, il 30 giugno 1885 nel porto di New York smontata ed imballata in 214 casse, trasportata dalla nave francese “lsère” vi fu issata nell’ottobre dello stesso anno ed inaugurata il giorno 28.
Cosi si realizzò il sogno di alcuni Fratelli di vedere una costruzione che potesse ben simboleggiare il valore più caro all’intera Famiglia Massonica ; La Libertà!!!!

L’origine massonica della Statua della Libertà  come abbiamo visto è fuor di dubbio, fu, un regalo della massonica Francia alla massonica America, copia dell’icona che campeggia sulla Senna . Secondo la mitologia massonica, le Statue della Libertà simboleggiano la Regina Semiramide e Iside. Il Sole che circonda il capo della Statua è anch’esso un simbolo di origine ermetica…

statua-della-liberta

il quale, è stato a lungo sotto gli occhi degli italiani, sui vessilli dei massonicissimi Partito Socialista e Partito Social Democratico insieme al Libro della Legge, che peraltro entrambe le Statue della Libertà reggono in mano. La torcia simboleggia l’illuminazione, la Luce, la Conoscenza….

statue-of-liberty-picture5b45d

e ricordo che la torcia in cima alla Statua della Libertà, per i satanisti, rappresenta la vittoria dell’anticristo su Gesù alla battaglia di Harmaghedon, e la vittoria di Satana sopra Dio quando egli si impossesserà del trono di Dio in cielo!! Prometeo, ovvero il primo ‘portatore della torcia’, che nella mitologia greca rubò il fuoco gelosamente custodito dagli dèi dell’Olimpo per donarlo agli uomini.

index

In molti testi esoterici Lucifero è accostato a Prometeo. Anche nella Massoneria ci sono coloro che accostano Lucifero a questa figura mitologica, perchè per loro Lucifero è il portatore della ‘luce’ massonica, il vero benefattore del genere umano! ma di questo ne abbiamo già parlato …..

 

Alla base della statua c’è una targa dedicata dai massoni di New York per il centenario di quando fu posta la pietra angolare del piedistallo della statua …

base-statua

Due riproduzioni della Statua della Libertà si trovano a Parigi, in Francia.
Una si trova nel Jardin du Luxembourg.

 

20100427 Jardin du Luxembourg (11) statua della libertà ststue de la liberte

Un’altra, più grande (11,50 metri), è vicino al ponte Grenelle sull’Île des Cygnes,un’isola sulla Senna , nelle vicinanze del vecchio laboratorio di Bartholdi.                  432px-Paris.seine.liberty.500pix

 

Fonti;
http://www.gladc.it/letturecur.htm

http://it.wikipedia.org/wiki/Statua_della_Libert%C3%A0

http://freemasonrywatch.org/statue_of_liberty.html

Wolfgang Amadeus Mozart e la massoneria .(Patty)

amadeusmozart

Wolfgang Amadeus Mozart

Wolfgang Amadeus Mozart,è nato a Salisburgo il 27 gennaio 1756 morì a Vienna il 5 dicembre 1791, compositore, pianista, organista, violinista e clavicembalista austriaco.

Mozart è tra i più grandi geni della storia della musica,

era dotato di raro e precoce talento infattimozart bimbo

compose il suo primo minuetto per clavicembalo nel 1762 all’età di sei anni!!!!

La musica di Mozart è la musica classica per eccellenza, è infatti, il principale

esponente del classicismo settecentesco, l’armonia, l’eleganza, la calma

imperturbabile ….sono presenti nelle sue opere.

   Mozart e la Massoneria

Mozart …entrò nella Massoneria dopo il proprio trasferimento a Vienna, la sua carriera in quel momento era al culmine .
Venne iniziato come “apprendista” il 14 dicembre 1784, nella loggia “Zur Wohltätigkeit” .
Il compositore, in poco tempo, percorse tutto il cammino iniziatico della massoneria: il 7 gennaio del 1785 fu promosso al grado di “compagno” e forse il 13 gennaio divenne “maestro”.

L’11 dicembre 1785 l’imperatore Giuseppe II fece emanare un decreto, il Freimaurerpatent, in virtù del quale le otto logge massoniche di Vienna furono accorpate in sole due, denominate rispettivamente “Alla nuova speranza incoronata” e “Alla verità”, Mozart apparteneva alla loggia “Alla nuova speranza incoronata”.

La loggia di cui faceva parte Mozart , era praticamente dominata dagli Illuminati, ed egli stesso ebbe stretti legami con appartenenti a tale ordine, come Ignaz von Born e Joseph von Sonnenfels. Sembra che Mozart abbia avuto simpatie per gli Illuminati, anche se molto probabilmente non entrò mai a far parte del loro ordine. Mozart continuò a far parte della massoneria anche dopo che ne furono usciti gli Illuminati, sebbene, a quanto pare, la sua partecipazione alle attività della loggia sia diminuita fra il gennaio 1786 e il gennaio 1791.
L’appartenenza massonica di Mozart non fu solo per adesione formale, ma trasse fondamento in profondi convincimenti esoterici e spirituali, che egli tradusse in musica, nelle opere che più si riallacciano ai simboli e agli ideali massonici….fra questi, resta impareggiabile la simbologia del Flauto Magico. Il carattere massonico di tali composizioni si esprime a volte nella scelta delle tonalità e nei timbri, dove è predominante la presenza di strumenti a fiato e voci maschili.

La filosofia degli Illuminati ha origine da Jacob Frank??? .(Patty)

L”Ordine degli Illuminati è stato fondato il 1º maggio 1776 da Adam Weishaupt ,ebreo convertito al cattolicesimo che aveva beneficiato dell’insegnamento dei gesuiti. weishaupt-sm

 

 

Il progetto di cospirazione degli Illuminati è generato dalle forze del male. Gli Illuminati si definiscono i pastori e gli iniziati della luce che serve Lucifero.
I loro rituali satanici si ispirano alla Bibbia in particolare al Libro dell’Apocalisse, alla stregoneria proveniente sempre a detta loro dalle antiche tradizioni babilonesi, sumeriche e egizie consistono in incantesimi, in mantra, in sacrifici di animali e di uomini, in pratiche perverse di magia sessuale.
Per entrare a far parte della gerarchia satanica, si deve occupare una posizione sociale di dominio pubblico. Gli adepti passano per un rituale di morte: vengono adagiati in una bara, essi abbandonano così le loro vecchie credenze mediante la rinuncia eterna alla fede in Gesù Cristo e nella SS.ma Trinità. Il cristianesimo è l’unico bersaglio delle loro bestemmie. In tal modo essi rinascono come servi di Satana.

 

La filosofia degli Illuminati però ,sembrerebbe aver origine da Jacob Frank .

frankChi è Jacob Frank….
Nato nel 1726 a Korolowka in Polonia, Leibowitz si dedica alla religiosità a partire dagli anni cinquanta…. seguendo tesi gnostiche dichiara che il peccato e la trasgressione di ogni legge umana sono vie verso la salvezza, si dichiara il nuovo Messia e in seguito predica un Dio femmina, incarnatosi in sua figlia Eva. Spacciandosi apertamente per il Messia, scrive:

“Io non sono venuto per innalzare, sono venuto a distruggere e a degradare tutte le cose finché esse non siano scese così in basso che più in basso non potrebbero scendere … Io sono stato scelto perché sono le tenebre dalle quali scaturisce la luce”

I rabbini polacchi lo considerano un eretico e lo mettono all’esilio nel1756. Frank che aveva dalla sua parte un gruppo di seguaci formato da migliaia di persone si converte (per finta) al cattolicesimo nel 1759 affermando che si possono accettare formalmente altre religioni purché si rimanga segretamente devoti alle sue tesi.
Nasce così il frankismo, setta che sembra esistere ancora oggi , soprattutto negli USA ebrei convertiti spesso per opportunismo al cattolicesimo, nonché alleati con personaggi importanti della massoneria.

Il comportamento che assumono è tipico di agenti che si infiltrano per arrivare all’interno delle strutture del potere religioso tradizionale per indebolirlo , e distruggerle dall’interno; al riguardo il “Messia” dichiara che i suoi adepti sono….“soldati che prendono d’assalto una città passando per le fogne” e ancora
“dobbiamo apparire più cristiani dei cristiani esteriormente. La filosofia politica di Frank è astuta e perversa… seminare il caos, distruggere troni e altari e approfittare del caos per rafforzare la propria setta; ai suoi predica infatti: “Quando i cani si azzuffano e qualcuno tenta di separarli con un bastone, quelli non se ne curano e continuano a mordersi l’un l’altro. Così noi prenderemo ciò che è nostro, mentre il mondo annegherà nel sangue. Perché rende, pescare nel torbido”.
Venne smascherato mentre si faceva passare per un musulmano in territorio ottomano, e fu incarcerato per falsa conversione.
Sotto la guida della figlia Eva, il frankismo penetrò in Austria e in Germania. Fu proprio in questo paese che, dopo la sua liberazione, Frank conobbe Mayer Amschel Rothschild , fondatore della celebre dinastia bancaria internazionale…..

Ora viene il bello…Frank ricevette anche l’appoggio di Adam Weishaupt…..

Il frankismo scomparve quasi completamente per lasciare posto all’«Illuminismo» dei Rothschild e di Weishaupt. Attualmente, i frankisti che hanno preso il controllo della Massoneria sono entrati nell’ultima fase: l’instaurazione di un Governo Mondiale. Conosciuta con il nome di «mondialismo», il tutto che evidentemente non può concretizzarsi nel giro di qualche decennio, mira a sottomettere la popolazione mondiale ad una nuova schiavitù non fisica, ma “spirituale”.
La rivista cattolica italiana Chiesa Viva scrive che “nel 1773, l’incontro tra i gruppi dei Savi di Sion e Mayer Amschel Rothschild portò alla discussione delle primizie di un manifesto: i Protocolli dei Savi di Sion. In ventiquattro paragrafi, viene descritto il processo di assoggettamento e di dominio del mondo per mezzo del sistema economico”
Nel 1770, Adam Weishaupt elaborò Il Nuovo testamento di Satana, un piano simile a quello descritto nei Protocolli, ma destinato ad un gruppo molto ristretto di Illuminati. La strategia di Weishaupt si articolava intorno a principî che hanno come obiettivo la soppressione delle nazioni e la concentrazione del potere in favore di organizzazioni sovranazionali e umanistiche, la democrazia è un mezzo e non un fine . Gli Illuminati, dicono che il popolo è ignorante, stupido e potenzialmente violento. Dunque, esso dev’essere guidato da eletti . Per giungere a questo scopo, Adam Weishaupt raccomandava:

Di dividere i popoli fomentando delle rivoluzioni e delle opposizioni partigiane (destra-centro-sinistra) articolate attorno a pseudo-questioni politiche, economiche, sociali, religiose, etniche, ecc… Se necessario, i gruppi antagonisti saranno armati affinché si indeboliscano nei vani combattimenti.

Di corrompere i costumi dei politici, e di scegliere dei capi di Stato servili e sottomessi.

Di prendere il controllo dell’insegnamento affinché i futuri dirigenti siano imbevuti di una cultura internazionalista e diventino a loro insaputa degli agenti del complotto.

Di assicurarsi che le decisioni più importanti concernenti gli affari interni di un Stato siano a lungo termine coerenti con gli obiettivi prefissati per giungere al Nuovo Ordine mondiale.

Di controllare i mezzi di comunicazione allo scopo di manipolare le masse.

Di suscitare il vizio e di soddisfare il piacere delle masse: in una società depravata, gli uomini perdono ogni valore religioso.

Di far scoppiare tre guerre mondiali.

 
Il “folle ” piano di Weishaupt si completò grazie al suo discepolo Albert Pike ..

 

AlbertPikeYounger

 

Albert Pike.

Nacque il 29 dicembre 1809 a Boston, maggiore dei sei figli di Benjamin e Sarah Andrews Pike. Studiò ad Harvard e più tardi divenne generale di brigata dello esercito confederato.Pike affermava di essere satanista e di possedere un braccialetto per evocare Lucifero. Fu Gran Maestro di un gruppo luciferiano noto come Ordine del Palladium fondato a Parigi nel 1737.
Il rivoluzionario italiano Giuseppe Mazzini , massone di 33° grado, fu scelto dagli Illuminati nel 1834 per dirigere le loro operazioni in tutto il mondo. A causa della attività rivoluzionaria di Mazzini in Europa, il governo bavarese attuò un giro di vite sugli Illuminati e le altre società segrete, con la accusa di aver pianificato il massiccio rovesciamento delle monarchie europee. I segreti degli Illuminati furono rivelati, i membri della setta furono perseguitati e infine l’Ordine fu sciolto, salvo poi risorgere nelle anse di altre organizzazioni, tra cui la Massoneria.

mazzini

Mazzini coinvolse Albert Pike nello Ordine degli Illuminati. Il quale molto  affascinato dalla idea di un governo unico mondiale, e dietro richiesta di Mazzini accettò prontamente di guidare la transizione di muratori di rango medio elevato, in Illuminati muratori di rango superiore (33 ° grado). Mazzini poi scelse Pike come comandante supremo degli Illuminati d’America.
Solo muratori di altissimo rango è dato di conoscere i veri segreti della massoneria. E’ per questo che la gran parte dei massoni nega con sincera veemenza le cattive intenzioni della loro confraternita. La stragrande maggioranza di essi non raggiunge nemmeno il 30° grado, quindi non sanno i reali obiettivi e segreti della Massoneria.
Albert Pike esattamente il 15 agosto del 1871 inviò una lettera a Giuseppe Mazzini , Pike parla dell’istaurazione di un Nuovo Ordine Mondiale che risponde allo schema «Crisi, Guerra, Rivoluzione».

Il programma sarebbe stato articolato attorno a tre guerre mondiali che avrebbero segnato il XX secolo .

La Prima Guerra mondiale permise agli Illuminati di rovesciare il potere degli zar e di trasformare la Russia mediante il dominio di un’ideologia atea il comunismo.
Seconda Guerra Mondiale sfociò nella creazione di un Stato ebraico in Palestina. Questo conflitto contribuì ad imporre i valori materialistici del comunismo a scapito dei valori cristiani.

La Terza Guerra Mondiale inasprirà le divergenze tra i sionisti e il mondo musulmano????

L’islam e il sionismo si distruggeranno reciprocamente???
Le nazioni del mondo occidentale, sempre più divise sul conflitto arabo-israeliano, si combatteranno fino ad un stato di sfinimento totale. Pike scrive anche a Mazzini che dopo questo ultimo conflitto apocalittico
“ci sganceremo dai i nichilisti e dagli atei e provocheremo un formidabile cataclisma sociale che, in tutto il suo orrore, mostrerà chiaramente alle nazioni gli effetti di un ateismo assoluto, origine della ferocia e del più sanguinoso sconvolgimento. Poi, tutti i cittadini, obbligati a difendersi da sé stessi contro una minoranza rivoluzionaria mondiale, stermineranno i demolitori della civiltà. A partire da questo momento, gli spiriti deisti, delusi dalla cristianità, saranno disorientati e alla ricerca di un ideale. Essi riceveranno la vera luce grazie alla manifestazione universale della pura dottrina di Lucifero, rivelata infine agli occhi di tutti. Questa manifestazione seguirà la distruzione della cristianità e dell’ateismo”
La strategia degli Illuminati poggia su due cose ….. il denaro ,con cui controllano il sistema bancario internazionale …….la disponibilità di persone fedeli che appartengono ad associazioni segrete. Per mezzo dei suoi diversi Gradi iniziatici, la Massoneria garantisce l’aura di discrezione necessaria al piano degli Illuminati.

 

 

 

 

Fonte;
http://www.threeworldwars.com/albert-pike.htm
http://www.giusepperausa.it/massoneria_e_scenari_europei.html
http://it.wikipedia.org/wiki/Albert_Pike

Benjamin Franklin.(Patty)

Benjamin Franklin..benjaminFranklin

 

E’stato uno scienziato e politico statunitense. Fu tra i protagonisti della Rivoluzione americana. Diede contributi importanti allo studio dell’elettricità e fu un appassionato di meteorologia e anatomia. Inventò il parafulmine, le lenti bifocali, l’armonica a bicchieri e un modello di stufa-caminetto noto nel mondo anglosassone come stufa Franklin.
Contribuì sia alla creazione della prima biblioteca pubblica statunitense che del primo dipartimento di vigili del fuoco volontari della Pennsylvania.
Fu uno dei Padri fondatori degli Stati Uniti .
Massone di spicco già a partire dal 1754 ,aveva stretti legami anche con la Massoneria europea, che stava per avviare la Rivoluzione Francese nell’anno 1789.

Inoltre era un profondo conoscitore del filosofo Leibniz, il pensiero economico e il programma repubblicano. A proposito dell’opportunità di una Banca Nazionale d’America scrisse:

 

« Vedete, un Governo legittimo può sia spendere che prestare denaro in circolazione, mentre le banche possono soltanto prestare cifre considerevoli attraverso i loro biglietti di banca promissori, per cui questi biglietti non si possono né dare né spendere se non per una piccola frazione di quelli che servirebbero alla gente. Di conseguenza, quando i vostri banchieri in Inghilterra mettono denaro in circolazione, c’è sempre un debito fondamentale da restituire e un’usura da pagare. Il risultato è che c’è sempre troppo poco credito in circolazione per dare ai lavoratori una piena occupazione. Non si hanno affatto troppi lavoratori, ma piuttosto pochi soldi in circolazione, e quelli che circolano portano con sé un peso senza fine di un debito impagabile e usura »

Il gruppo dei massoni influenti delle colonie americane era costituito, oltre che da Benjamin Franklin, anche da Thomas Jefferson, George Washington, il marchese de la Fayette, John Adams e Alexander Hamilton.

 

Il 4 luglio del 1776, 13 delle 14 colonie (Maryland, Delaware, Virginia, North Carolina, South Carolina, Georgia, New Jersey, Pennsylvania, New York, Massachusetts, Rhode Island, New Hampshire, Connecticut), si unirono , e proclamarono la loro indipendenza rispetto alla Corona d’Inghilterra.statiuniti06
Di 56 uomini che firmarono la Dichiarazione d’Indipendenza, 52 appartenevano alla Massoneria.
Anche il Maine, la quattordicesima colonia, aveva partecipato al processo rivoluzionario, ma per (motivi simbolici ) gli Stati che formavano l’Unione dovevano essere 13, e non certo 14. Così il Maine fu inserito nell’ Unione dopo.(Per quanto riguarda il numero 13 c’è  un post…dove si capisce quanto questo numero sia per “loro” importante….)

 

La celebre giornata che diede inizio alla Rivoluzione Americana fu una giornata massonica: gli uomini travestiti da pellerossa che gettarono in mare le casse di tè erano i membri della Loggia di Sant’Andrea, che si riuniva alla «Taverna del Drago Verde e alle Armi della Massoneria».

carnival-the-king-drinks-1690

 

 

 

 

Gli eserciti feudali dopo una vittoria facevano cantare il Te Deum, Washington, dopo le vittorie, sfilava con i paramenti massonici. Franklin, che si occupava della parte diplomatica della Rivoluzione, era a Parigi per trovare alleati militari, e si appoggiò alla Loggia delle Nove Sorelle, la più brillante fra le logge francesi che avrà un ruolo decisivo nella diffusione delle idee illuministiche. Dunque la massoneria ha avuto una parte predominante nella Rivoluzione Americana, e c’è un episodio davvero significativo che indica fino a che punto le istituzioni americane fossero fin dal principio imbevute di spirito massonico. Infatti dopo la guerra alcuni ufficiali che si erano battuti valorosamente nella lotta di indipendenza pensarono di creare un’associazione che doveva costituire una sorta di aristocrazia militare della neonata repubblica, ma lo stesso Franklin intervenne per impedire questa eventualità. Si vede anche qui uno degli aspetti tipici del mondo moderno: le ambizioni degli elementi più capaci vengono frustrate e sacrificate al supremo valore dell’egualitarismo “democratico”, che contempla un particolare astio verso il principio di ereditarietà.

 

 
Fonti:
http://it.wikipedia.org/wiki/Benjamin_Franklin
http://www.ariannaeditrice.it/articolo.php?id_articolo=45506

Olocausto… (Patty)

 

Con il termine Olocausto (con l’adozione della maiuscola), a partire dalla seconda metà del XX secolo, si indica il genocidio perpetrato dalla Germania nazista e dai suoi alleati nei confronti degli ebrei d’Europa e, per estensione, lo sterminio nazista verso tutte le categorie ritenute “indesiderabili”, che causò circa 15 milioni di morti in pochi anni.
L’Olocausto, in quanto genocidio degli ebrei, è identificato più correttamente con il termine Shoah (in lingua ebraica: השואה, HaShoah, “catastrofe”, “distruzione”). Esso consistette nello sterminio di un numero compreso tra i 5 e i 6 milioni di ebrei, di ogni sesso ed età.olocausto

 

Con questo post, voglio evidenziare delle incongruenze riguardo alle cifre delle vittime riportate dalle varie fonti, siano esse ufficiali o meno.Con questo non dico che l ‘ Olocausto non sia un fatto reale , personalmente amo analizzare le due facce della stessa medaglia…e spesso le due facce non coincidono!!!.
Forse vi è un’organizzazione che non vuole si mettano in discussione certi argomenti, che getta fango su chiunque ne parli anche solo ponendosi dei semplici interrogativi.Essendo noi esseri pensanti possiamo essere liberi di farci delle domande?? L’interesse comune dovrebbe essere quello di conoscere la verità e chi si oppone a questo, fa un torto a tutti quei morti .

Un po’ di calcoli…
L’Annuario Mondiale (“World Almanac”) censisce 15.688.259 ebrei, in tutto il mondo nel 1938.
New York Times” del 22 febbraio 1948 dice che gli ebrei esistenti in tutto il mondo sono 15.600.000
Un po’ di calcoli;
sottraendo i 6 milioni (  La stima  varia da 5  a 6 milioni di ebrei morti ) alla cifra di 15.688.259 si ottiene 9.688.259, ebrei sopravissuti nel 1945.
ipotizziamo che ci siano stati il 50% di sopravissuti maschi e 50% femmine, si hanno (nel 1945) 9.688.259: 2 = 4.844.129 (maschi-femmine)
Ipotizziamo ancora che, le donne in età FERTILE siano il 50% si ha: 4.844.129:2= 2.422.068.
prendendo come valore i 15.600.000 (del 1948) e sottraendo i “sopravissuti (9.866.259) si ha : 5.911.174 (nuovi nati in 3 anni)
quindi in 3  anni 2.422.068 donne ebree avrebbero partorito 5.911.174 bambini e tutti  rigorosamente sopravissuti! Già da questi dati si vede che qualcosa non torna…
Nei campi di concentramento non c’erano soltanto ebrei ma anche prigionieri di guerra.. Rom..etc… Il numero esatto di persone uccise dal regime nazista è ancora soggetto a ulteriori ricerche. Recentemente, documenti declassificati di provenienza britannica e sovietica hanno indicato che il totale potrebbe essere ancora superiore a quanto ritenuto in precedenza.
Ebrei 5,9 milioni
Prigionieri di guerra sovietici 2–3 milioni
Polacchi non Ebrei 1,8–2 milioni
Rom e Sinti 220.000-500.000
Disabili e Pentecostali 200.000–250.000
Massoni 80.000–200.000
Omosessuali 5.000–15.000
Testimoni di Geova 2.500–5.000
Dissidenti politici 1-1,5 milioni (senza fonte)
Slavi 1-2,5 milioni
Totale 12,25 – 17,37 milioni

Camere a gas.

Al processo di Norimberga fù esibita, come prova , la camera a gas di Dachau, però un certo dott. Martin Broszat dell’Istituto di storia contemporanea di Monaco affermò in una lettera che ;
“Né a Dachau né a Bergen-Belsen né a Buchenwald sono stati gasati ebrei o altri detenuti. La camera a gas di Dachau non fu mai ultimata del tutto e non entrò mai ‘in funzione’ “.
E ancora:
“Lo sterminio in massa degli ebrei mediante gasazione iniziò nel 1941-1942 ed ebbe luogo esclusivamente in pochi luoghi appositamente scelti e forniti di adeguate installazioni tecniche, soprattutto nel territorio polacco occupato (ma in nessun luogo nel Vecchio Reich): ad Auschwitz-Birkenau, a Sobibor sul Bug, a Treblinka, a Chelmno e a Belzec”.

Un po’ di numeri…
1940: numero di Ebrei nel mondo: 15.319.359.
1950: numero di Ebrei nel mondo: 15.713.638.

b) L’Annuario Mondiale (“World Almanac”)…. 1938 numero di ebrei nel mondo: 15.688.259
c) New York Times ,proprietario del giornale è l’ebreo Arthur Sulzberger: 1948 numero di ebrei nel mondo: 15.600.000
Ebrei nel mondo prima della seconda guerra mondiale:
The National Council of Churches, USA 1930…………. 15,0 Mill
Jewish Encyclopedia, USA 1933……………………………15,6 Mill
World Almanach (Jewish Committee 1939) …………….. 15,6 Mill

Ebrei nel mondo dopo la seconda guerra mondiale:
World Almanach (American Jewish Committee, USA)
1945 …………………………………………………………………. 15,19 Mill
1946 …………………………………………………………………..15,75 Mill
1947………………………………………………………………….. 15,69 Mill
1948………………………………………………………………….. 15,50 Mill
1949 …………………………………………………………………..15,50 Mill
New York Times, div. Meldungen, 1948…………………… 15,7 bis 18,60 Mill
National Council of Churches, USA, 1951………………… 15,31 Mill

Le informazioni sopra riprodotte dicono che l’ Olocausto ebraico non è mai avvenuto. O sbaglio?

Estratto da Wikipedia

ll campo di Bergen-Belsen fu aperto per la prima volta nel 1940 come campo per prigionieri di guerra con il nome Stalag XI-C. Fino alla primavera del 1942 circa 18 000 soldati sovietici morirono di fame, freddo e malattie. La prima epidemia di tifo ucciderà tutti i prigionieri.
Dal 1942 fu utilizzato come campo di concentramento passando sotto il comando delle SS nell’aprile 1943.
Inizialmente campo di detenzione, Aufenthaltslager, da marzo 1944 parte del campo fu designata a ricovero per i prigionieri che arrivavano malati dagli altri campi Erholungslager.
Ad agosto del 1944 circa 8 000 donne prigioniere di diverse nazionalità arrivarono da Auschwitz, molte delle quali erano lavoratrici.
A dicembre dello stesso anno il SS-Hauptsturmführer Josef Kramer, precedentemente ad Auschwitz-Birkenau, diventò il nuovo comandante del campo.
Il numero degli internati al 1º dicembre 1944 era di 15 257; il 1º febbraio 1945 il numero era salito a 22 000; al 1º marzo a 41 520; al 1 aprile 43 042 e al 15 aprile a circa 60 000.
Il sovraffollamento portò l’aumento di morte per malattia (soprattutto tifo) e malnutrizione in un campo originariamente programmato per ospitare 10 000 persone.
Il numero dei morti passò da 7 000 del mese di febbraio a oltre 18 000 nel mese di marzo. I corpi venivano bruciati in fosse comuni. Non esistevano camere a gas a Bergen-Belsen, ciò nonostante si stima che circa 5 000 ebrei di Boemia e Moravia, polacchi, omosessuali, cattolici, prigionieri di guerra e zingari morirono nel campo. Le aspettative di sopravvivenza degli
internati erano di circa 9 mesi.
Arbeitsdorf è stato un campo di concentramento della Germania nazista adibito a campo di lavoro.
Fu aperto l’8 aprile del 1942 e restò in funzione solo pochi mesi poiché fu chiuso l’11 ottobre dello stesso anno. La sua istituzione era funzionale alla fabbricazione di autovetture popolari, le future Volkswagen.

Fonte;http://it.wikipedia.org/wiki/Arbeitsdorf.

Fonte;http://it.wikipedia.org/wiki/Bergen-Belsen.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: